Usando questo sito si accetta l'utilizzo dei cookie anche di terze parti. Per maggiori informazioni vi invitiamo a leggere l'informativa

Articoli e testi

Contro femminicidio e violenza di genere ‘in punto di pentagramma’

Scuola, tre domande al neosegretario del Pd Zingaretti

Il "Nuovo Quaderno Pentagrammato®", inventato da Antonio Deiara, rappresenta la più rilevante innovazione nel campo della scrittura musicale degli ultimi decenni: la sua validità è stata certificata dalle Istituzioni che lo hanno utilizzato durante la fase sperimentale, in primis il Conservatorio di Musica "L. Canepa" di Sassari, e riconosciuta col Brevetto n. 0000084063 del Ministero delle Attività Produttive, Ufficio Italiano Brevetti e Marchi, del 25/05/2004. Si riporta un sunto, significativo dal punto di vista didattico, della relazione del brevetto.

Il "Nuovo Quaderno Pentagrammato" nasce dal bisogno di scrivere la musica sopra pentagrammi più larghi e rapportabili alle dimensioni dei quadretti e delle righe in uso nelle classi prime elementari. In altre parole, non è pensabile che solo per l'italiano e la matematica si tenga conto delle difficoltà di scrittura in spazi troppo angusti. Ma questo concetto va oltre: può essere esteso infatti a tutti quelli che si accostano per la prima volta al mondo dei suoni; in un certo senso, sono anch'essi "alunni della prima elementare musicale". La seconda innovazione che il "Nuovo Quaderno Pentagrammato" introduce è la dimensione: tale scelta è una diretta conseguenza delle nuove dimensioni del pentagramma. La terza innovazione consiste in un numero ridotto di fogli utilizzabili, tuttavia sufficienti per la normale attività didattica annuale. I potenziali utenti del "Nuovo Quaderno Pentagrammato" risultano numerosi: gli alunni delle Scuole Elementari e Materne, quelli della Scuola Media, tutti i Corsisti di qualsiasi età che si avvicinano per la prima volta alla musica, i portatori di handicap e gli ipovedenti.

La copertina, infine, riassume la strategia didattica utilizzata dallo scrivente: l'accordo di mi minore, le tre chiavi, gli intervalli, il diesis, il bemolle, i tempi semplici e i tempi composti. Su ogni pagina compare la scritta "PROGETTO DIDATTICO DI ANTONIO DEIARA".

 

DeaMusica Associazione Musicale

Longiano Teatro "Petrella"
Conferenza-Dibattito

Relatore: prof. Antonio Deiara

Il "Quaderno Pentagrammato", ideato e presentato nella conferenza-dibattito al Teatro "Petrella" di Longiano dal Prof. ANTONIO DEIARA, ha riscosso un vivo interesse sia dai giovani studenti che dai docenti presenti per l'occasione. L'idea di un pentagramma dalle dimensioni più ampie rispetto al tradizionale facilita sicuramente sia la lettura che la scrittura delle note.
Ritengo che tale innovazione si possa adottare con ottimo riscontro sia negli Istituti Pareggiati che nei Conservatori di Musica.

Il direttore artistico
Maestro Claudio Casadei

 

IngrandisciIngrandisci